Centro delle tradizioni popolari “Livio Dalla Ragione”

Città di Castello

Ospitato all'interno di un'antica casa colonica altotiberina, conserva e narra gli usi, gli strumenti, i mestieri e i cibi della tradizione contadina.

Il Centro delle tradizioni popolari “Livio Dalla Ragione” si trova nella periferia sud di Città di Castello, in località Garavelle, e costituisce uno dei primi esempi realizzati in Italia di raccolta dedicata alla tradizione contadina. Gli ambienti originali rispecchiano quelli abitati una volta dalle famiglie contadine altotiberine e sono ricchi di oggetti utilizzati nella quotidianità.

Al piano superiore sono ricostruiti gli ambienti tipici della casa contadina, arredati con materiali e accessori originali, disposti nella loro originaria collocazione. Appena entrati ci si trova nella grande cucina, tipica della famiglia patriarcale, con il focolare in pietra, il soffitto da cui pendeva l’uva messa ad appassire per fare il vinsanto e alle pareti sono appesi piccoli utensili per i lavori quotidiani. Segue la stanza dedicata al cucito e la camera da letto con il letto in ferro battuto e il materasso riempito di foglie di granturco. Al piano terra, dove un tempo si trovavano le stalle, sono sistemati gli strumenti legati agli animali e al lavoro dei campi, come gioghi e trinciaforaggi. Nella cantina, oltre ai torchi, ci sono botti, fiaschi, imbuti e altri utensili per la vinificazione, mentre. Nel locale adibito a frantoio è conservata una macina di pietra e un gigantesco torchio.

Nel museo sono documentate le lavorazioni artigianali necessarie alla produzione di beni di consumo quotidiani e alla loro conservazione nel pieno rispetto delle abitudini dell’economia domestica del tempo.
Si possono vedere la bottega del fabbro, del ciabattino e del falegname. Negli ambienti una volta adibiti a granaio sono stati raccolti tutti gli attrezzi necessari alla cernita e alla lavorazione dei cereali, i telai e gli strumenti per la filatura. All’esterno della casa si trova un seccatoio per il tabacco, la cui coltivazione è stata fino al secolo scorso tra le principali fonti economiche dell’Alta Valle del Tevere.

Il Centro delle tradizioni popolari “Livio Dalla Ragione” ha sede nella casa colonica di pertinenza della cinquecentesca villa Capelletti. L’ultimo proprietario, il marchese Gioacchino (1876-1969), alla sua morte decise di lasciare in eredità alla Cassa di Risparmio di Città di Castello sia la villa che gli annessi, allo scopo di essere destinati ad un utilizzo pubblico.
Il museo è stato istituito nel 1974 ed è stato ideato e curato da Livio Dalla Ragione (1922-2007), studioso di cultura popolare e appassionato ricercatore di documenti della civiltà contadina, a cui si deve un importante lavoro di ricerca e recupero delle specie arboree originarie dell’Alta Valle del Tevere, concretizzatosi nella Fondazione a San Lorenzo di Lerchi, ora gestita dalla figlia Isabella.
Il Centro delle tradizioni popolari “Livio Dalla Ragione” fa parte, con il Museo Malakos, del Polo museale Garavelle.

Una volta al museo, scarica la App RIM Altotevere e inquadra i QR code posti lungo il percorso per accedere a contenuti esclusivi.
Recapiti
Località Garavelle
06012 Città di Castello (PG)
Tel: 075 8552119
E-mail: cultura@ilpoliedro.org
Orari - novembre-marzo
Lunedì
chiuso
Martedì
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Mercoledì
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Giovedì
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Venerdì
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Sabato
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Domenica
10:00-12:30 / 14:30-18:00
Orari - aprile-ottobre
Lunedì
chiuso
Martedì
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Mercoledì
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Giovedì
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Venerdì
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Sabato
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Domenica
10:00-12:30 / 15:00-18:30
Biglietti

Intero € 5,00

Ridotto € 3,00
gruppi oltre 15 persone, studenti fino a 25 anni, over 65, visitatori di età compresa tra i 6 e i 14 anni, soci FAI, pellegrini, possessori biglietto intero provenienti da altro museo di Città di Castello.

Gratis
fino a 5 anni, scuole del comune di ogni ordine e grado, tesserati ICOM, guide turistiche.

Servizi
  • Parcheggio
  • Servizi igienici
  • Accesso disabili
  • Visite guidate scolastiche
  • Servizio didattico
  • Visite guidate